Libriefavolediniki

I ROMANZI e le FAVOLE di Nicoletta

Con la FANTASIA puoi essere Ovunque e Chiunque

Il mio ultimo libro al Salone internazionale di Torino

Quest’anno il Salone del Libro di Torino ha deciso di riconoscere uno spazio dedicato al Self Pubblishing

Ne sono felice poiché uno dei maggiori problemi degli autori "fai da te" è il farsi pubblicità. Personalmente, pur avendo scelto un editore di self pubblishing, che mi ha permesso  di essere visibile su tutte le piattaforme online del settore e ha garantito ai miei romanzi la prenotabilità nelle librerie, sento la mancanza del contatto con il lettore. Come può il lettore essere attratto da un tuo libro se non sa della sua esistenza? Normalmente un autore ricorre ai social per fare amicizie con chi ama leggere, ma non tutti, io compresa, sono strateghi del marketing e ben pochi hanno la capacità economica di incaricare esperti del commerciale. Ben venga quindi questa possibilità. Il visitatore del Salone del libro è sicuramente un appassionato che finalmente potrà toccare con mano quel tomo che, pur avendolo interessato da un' arida schermata di una libreria  digitale,  non si è fidato di acquistare.  

Vi aspetto, il 22 e il 23 magio al Salone del libro di Torino

Il blog di Nicoletta Niccolai

Blog

Cambiare l'acqua ai fiori di Vaérie Perren

Posted on August 20, 2020 at 6:56 AM Comments comments (0)
Cambiare l'acqua ai fiori di Vaérie Perren

Ho scorso le prime pagine con scarso interesse, mi sembravano banali. Invece, man mano che proseguivo nella lettura, questo romanzo mi ha incatenata, incuriosita e incantata. Lo specchio della vita in un cimitero.
Scritto con incredibile leggerezza, sprigiona odori leggiadri, musiche calmanti. È intriso di colori pastello: beige,  celeste, rosa. Tanto rosa.
Anche i dolori più duri, le sofferenze tremende, che gli esseri viventi sono costretti a superare, sono avvolti in una bolla rassicurante.
Ho immaginato l'autrice scriverlo non con il computer e neppure con una macchina da scrivere. L'ho vista intingere un pennino nell'inchiostro e vergare le pagine con calligrafia curata e svolazzante.
Unico neo: forse ci sono troppi flashback. Il continuo avanti e indietro nel tempo potrebbe costringere un lettore, impossibilitato a leggere a lungo, a risintonizzarsi quando riprende in mano il libro.
La trama dovete scoprirla da soli. Vi svelo solo che molte certezze si sgretoleranno e cambieranno valore. Leggetelo